Social Card: a chi si rivolge e di cosa si tratta

Forse non tutti lo sanno, ma il Ministero dell’Economia e delle Finanze mette a disposizione dei cittadini, che ne fanno richiesta e che hanno i requisiti necessari, una SOCIAL CARD, più semplicemente chiamata Carta Acquisti.

Cos’è la Social Card?

La Social Card, che vale 40€ al mese ed è ricaricata direttamente dallo Stato ogni 2 mesi (quindi ogni 2 mesi verranno accreditati 80€), è una semplice carta elettronica completamente gratuita che consente ai cittadini di sfruttare questo contributo statale per la spesa alimentare di tutti i giorni, per il pagamento delle bollette dell’energia elettrica e dell’acqua e per la spesa sanitaria. Inoltre esistono molte attività commerciali che hanno preso parte all’iniziativa della Carta Acquisti e che offrono dei prezzi agevolati per chi la possiede.

A chi spetta la Social Card e dove si può richiedere?social-card-2014 mip

La Carta Acquisti può essere richiesta da:

Bambini che non hanno ancora compiuto 3 anni di età (in questo caso il Titolare della Carta sarà il genitore richiedente);
Adulti che hanno compiuto almeno i 65 anni di età;
La Social Card può essere richiesta presso un qualsiasi Ufficio Postale presentando l’apposito modulo di domanda.

Quali sono i requisiti per richiedere la Social Card?

Per i minori di 3 anni:
– non aver compiuto il 3 anno di età;
– essere Cittadino Italiano;
– essere regolarmente iscritto all’Anagrafe della Popolazione Residente;
– avere un ISEE in corso di validità inferiore o pari a 6.781,76 €;
– non essere, da solo o insieme al genitore o chi ne fa le veci:
• intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
• intestatario/i di più di due utenze del gas;
• intestatario/i di più di una utenza elettrica non domestica;
• proprietario/i di più di due autoveicoli;
• proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
• proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo;
• titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 € ovvero, se detenuto all’estero e non già indicato nella dichiarazione ISEE, non superiore alla medesima soglia una volta convertito in Euro al cambio vigente al 31 dicembre dell’anno precedente la presentazione della dichiarazione ISEE.
Per i maggiori di 65 anni:
– aver compiuto 65 anni di età;
– essere Cittadino Italiano;
– essere regolarmente iscritto all’Anagrafe della Popolazione Residente;
– avere trattamenti pensionistici o assistenziali che, cumulati ai relativi redditi propri, sono di importo inferiore a 6.781,76 € all’anno o di importo inferiore a 9.042.34 € all’anno, se di età pari o superiore a 70 anni;
– avere un ISEE in corso di validità inferiore o pari a 6.781,76 €;
– non essere, da solo o insieme al coniuge,
• intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
• intestatario/i di utenze elettriche non domestiche;
• intestatario/i di più di una utenza del gas;
• intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
• proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo;
• titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 € ovvero, se detenuto all’estero e non già indicato nella dichiarazione ISEE, non superiore alla medesima soglia una volta convertito in Euro al cambio vigente al 31 dicembre dell’anno precedente la presentazione della dichiarazione ISEE;
• non usufruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di cura di lunga degenza o detenuto in istituto di pena.

Per maggiori informazioni vi consigliamo di recarvi presso un qualsiasi Ufficio Postale presente nel vostro Comune di residenza o di chiamare il Numero Verde 800.666.888

 

Lascia un commento